Una casa naturale è per me la casa estiva per eccellenza.

Cosa intendo per una casa naturale:

Una casa minimal e con questo termine intendo una casa fatta di pochi pezzi, molto facile da gestire e soprattutto dove scorre tanta energia.

I materiali sono il plus su cui puntare e per questo scelgo materiali come:

corda, rattan, legno, canne, lini, cotoni, macramè.

Colori:

bianco, toni del beige, del color sabbia e dell’ecrù.

L’illuminazione non sarà da meno, luce calda, e paralumi in linea con materiali citati precedentemente.
Potete leggere il post che ho fatto sull’illuminazione a Ibiza per esempio, nelle foto ci sono tanti spunti con elementi di cui parlo anche qui in questo articolo. Inserirei anche i paralumi in carta di riso in questo stile, ma non per una casa al mare in quanto muffirebbero con l’umidità. Per questo prestate sempre attenzione ai materiali che scegliete in base al posto in cui siete.

Svegliarsi in un ambiente neutro dove sono inseriti solo un paio di colori o colori in nuance ha sempre un potere di grande leggerezza e freschezza. Soprattutto per la mente e lo spirito.
Non serve altro.

Stuoie e tappeti grezzi, lini non stirati, cuscini buttati sui divani comodi pronti ad accoglierci, questo deve essere il mood di questo nostro stile. Se non necessario, non userei neanche le tende.
Addirittura dal canneto della terrazza filtrerà la luce al mattino mentre facciamo colazione fuori, e il canneto risulterà imperfetto, anche se sarà nuovo.

Il tappeto in corda avrà qualche filo che sporge… e i nostri sottopiatti non saranno da meno, ma proprio tutto questo conferirà naturalezza. Ricordiamoci che tutto ciò che è in natura è imperfetto. E anche noi lo siamo… potremmo cogliere l’occasione per lasciar andare il nostro spirito libero, almeno in vacanza.

Questo stile è per chi quando va in vacanza preferisce camminare scalzo, felice anche se la borsa di paglia è lasciata all’ingresso, dove si sta più attenti all’ambiente, alla natura e alla salute che non al resto.

Dove i soprammobili sono fatti da qualche conchiglia o candela o vaso con qualche pianta grassa. Elementi di riciclo più che altro.

Le nostre foto le inserirei sempre, in ogni ambiente, soprattutto in una casa così minimal di oggetti e quadri rischierebbe di avere poco di personale. E a noi piace la personalizzazione.

Alle pareti non facciamo mai mancare qualche bella foto in formato maxi, nostra o della nostra famiglia, se riuscite fatevela fare color seppia, riprenderà le nuance della casa.

E comunque seguite uno stile anche qui, se mettete delle foto a colori, tutte saranno a colori, viceversa in bianco e nero o seppia.

Anche le dimensioni contano. Se le pareti non hanno nulla, è bella o una foto maxi o una decina di foto tutte con la stessa cornice messe con un certo ordine, su internet trovate tantissime idee a come ispirarvi e arredare con le foto. Prendete spunto.

Altra cosa importante: ogni tanto inserite uno specchio.
La casa ne acquista di luce e di energia, in più è sempre utile.

Se vi piace lo stile vi posso suggerire anche delle mensole fatte con dei tronchi di alberi veri. Ovviamente dobbiamo reperirli e poi montarli e ci vuole un pò di manualità ma questo dà un effetto ‘wow’ alla nostra casa.

Mettere il nostro tocco in una casa non solo ci darà un grande piacere ma ci farà risparmiare soldi, in cambio investiremo il nostro tempo, ma chissà potrebbe venirne fuori un’opera d’arte.

Come faccio notare spesso, capita che facciamo shopping e compriamo vestiti che neanche mettiamo più di una volta, mentre garantisco che per rinfrescare una stanza spesso ci vuole molto meno, e ci darà benessere più a lungo, perché noi viviamo in quella stanza tutti i giorni della nostra vita.

Questo stile di cui vi ho parlato in questo articolo ha dei costi contenuti per un grande risultato ma se volete qualcosa di originale dovete impegnarvi personalmente alla ricerca di alcuni materiali e con un minimo di fai da te.
Ma una cosa è certa, l’effetto ripagherà il vostro impegno, e mi scriverete per darmi ragione.

Consiglio importante:
Se decidete di comprare una seconda casa, non traslocate tutto ciò che non vi piace e non vi serve più dalla casa che già possedete.
Vi ritroverete con tutta una serie di cose che non c’entrano nulla le une con le altre. Ragionate appunto con una mentalità minimal da zero, e poi, se vi manca qualcosa, che avete nella casa in città e che potrebbe star bene qui, come le vostre belle foto, o dei cachepot per le piante, allora ben venga.
Ma non fate mai viceversa. Il risultato non sarà mai ottimale e non otterrete l’effetto desiderato.

Alla prossima… con Stile! Il vostro!

Viviana Grunert

Photo della Board:
Pinterest
Viviana Grunert



Commenti

commenti